ORNELLA MARIANI

Federico II di Hohenstaufen

di Ornella Mariani

Fra la tregua sottoscritta da Federico I di Hohenstaufen a Venezia nel 1177 e poi a Costanza nel 1183 e l'avvento di Federico II, l'Italia visse una intensa e lunga stagione di rivendicazioni autonomistiche, sullo sfondo di una crescita enorme della potenza della Borghesia; della consistente circolazione monetaria; del rinnovamento della politica agraria e delle aspre rivalità fra Città e Comuni minori, teatro di battaglie durissime fra fazioni interne ed esterne alle mura. L'Imperatore Enrico VI aveva riconosciuto il Comune di Firenze e la sua giurisdizione sulle zone limitrofe. Tale sorta di tolleranza s'era posta premessa alla formazione della Lega Toscana: Firenze stessa, Siena, Lucca, Prato e San Miniato, nel novembre del 1198, s'erano costituite sodali, affermando il diritto di emancipazione da Re e da Imperatori, se non previo consenso papale ma, sostanzialmente, mirando a sganciarsi anche dalla interferenza della Chiesa.

La vicenda aveva provocato ripercussioni anche in Lombardia contro la quale, nel 1213, Federico II avrebbe pronunciato un bando esteso anche a Lodi e a Piacenza. Una circostanza inasprita quando, nella Pasqua del 1226, nel corso della Dieta di Cremona, i Comuni Lombardi, paventando l'ipotesi della restaurazione imperiale, assieme a città del Piemonte, del Veneto e dell'Emilia, ridettero vita alla Lega del 1167 ricevendone una serie di sanzioni contro le quali valse solo l'azione mitigante di Papa Onorio. La tregua, tuttavia, fu interrotta dalle Costituzioni Melfitane ad esito delle quali Federico II fu dichiarato, da Papa Gregorio IX, ...persecutore della Chiesa e distruttore delle pubbliche libertà..., mentre il fronte di ribellione contagiava la Sicilia risolvendosi nella repressione applicata dall'Imperatore a Centuripe e a Montalbano.

Il 26 dicembre del 1194 in Jesi, città della Marca anconetana, nacque Federico II: figlio di Enrico VI di Hohenstaufen e di Costanza d'Hauteville. Essendo egli venuto al mondo nel giorno successivo al Natale, i sostenitori della politica staufica vissero la sua nascita come un prodigioso evento e lo indicarono secondo solo a Cristo. Per gli ambienti guelfi, al contrario, egli fu considerato sempre l'erede del temuto Barbarossa e dell'odiato Enrico VI: empio e dissacratore, fino ad incarnare l'Anticristo. Così, durante la sua primissima infanzia, se da una parte l'esaltazione della sua attesa fu confermata, dall'altra furono seminate le premesse a quella campagna di odio che drammaticamente concluse il suo ultimo tratto di vita.

Pietro da Eboli, autore del Liber ad Honorem Augusti -un poemetto di ottocentottantatre distici ed otto esametri - nelle Particulae LXIII e LXIV del De Rebus Siculis Carmen, ne profetizzò le doti di statista, di uomo e di fondatore della aurea Renovando Temporis Etas.

Goffredo da Viterbo, già notarius di Corrado III e diplomatico di Federico I e di Enrico VI, ritenne che egli incarnasse il grande Cesare, destinato a segnare i tempi:

...Concipit et peperit Imperatrix natum;
Tenet nunc Apuliam, habet Principatum,
Est futurus Cesar, sic est vaticinatum,
Habebit Imperium, Regnum, Monarchatum...

Il bretone mago Merlino svelò oscuramente il miracolo e, ad un tempo, la calamità della sua presenza.

La sua visione escatologica della storia, indusse l'abate calabrese Gioacchino da Fiore a presagire in lui la bestia venuta a corrompere e a devastare il mondo: ...Quod uxor sua gravida erat, quae adhuc gravedinem nullam sentiens, de daemone erat praegnans...

Fra Salimbene da Parma, il mistico dell'Alleluja, lo descrisse ... scaltro, libertino, malvagio e collerico. Sapeva talvolta dar prova di solide capacità e questo accadeva quando voleva esibire la sua munificenza e nobiltà. Allora diventava amabile, lieto, pieno di grazia e di nobili aspirazioni. Leggeva, scriveva, cantava e componeva melodie. Era bello e ben proporzionato, sebbene di non troppo alta statura....

Il benedettino anglosassone Parisiensis, al secolo Matteo da Parigi, lo definì il più grande tra i principi della terra: Stupor mundi et immutator mirabilis.

Il cronista Nicolò Jamsilla lo rappresentò ...uomo di cuore magnanimo... che seppe temperare la sua sensibilità con la sapienza di cui fu assai ricco, così che mai nel far qualcosa si lasciò trascinare dall'impeto, ma in tutto seguì i suggerimenti di una matura ragione....

Lo scrittore arabo ‘Abu ‘Al Fadâ testimoniò che ...l'imperatore era generoso, vago di filosofia, logica e matematica, e amava i musulmani, essendo stato educato nell'isola di Sicilia, dove la più parte della popolazione è musulmana....

Jacob Burckhardt scrisse di lui come del ... Primo uomo moderno assiso sul trono....

Friedrich Nietzsche lo definì ... qualcosa di umano, di troppo umano... qualcosa al di là del bene e del male, dopo aver assegnato parole dure alle crociate ...alta pirateria, niente di più!....

Le anticipazioni favorevoli alla sua nascita, comunque proposta prodigiosa, si fanno già risalire alla quarta egloga delle Bucoliche di Virgilio: ...I rapporti di Federico con Pier delle Vigne vengono paragonati a quelli di Augusto con Virgilio... e l'elogio rimonta a un verso di Virgilio: -... E con Giove regge Cesare l'impero-... Pier delle Vigne tenne un'orazione al popolo di Vicenza annunciando il prossimo arrivo dell'imperatore e, non per caso ma neppure per decisione concertata, pose alla base del suo discorso quel versetto d'Isaia che annuncia la venuta del Salvatore, e che ritorna nel Vangelo di Natale: -Il popolo che vaga nelle tenebre, vede una gran luce e chiaro si fa tra quelli che abitavano nella terra oscura...- (E. Kantorowicz: Federico II imperatore).

Quelle, invece, destinate ad atterrire il popolo e ad alimentare le calunnie che la Chiesa gli rivolse contro, si vogliono già contenute nell'annuncio dell'Apocalisse. Al di là delle profezie, resta inalterata la certezza che ancora a settecentocinquanta anni ed oltre dalla sua morte, anche il giudizio degli storici contemporanei è controverso: se Gabriele Pepe lo avvertì portatore di modernità culturale e politica, Thomas Van Cleve, con pari autorevolezza, lo assunse conservatore. Se David Abulafia lo censura, Norbert Kamp conferma che il suo governo si propose modello per gli altri Stati europei. Se Régine Pernoud lo riduce ad un Sovrano di periferia, Franz Kampers lo definisce battistrada del Rinascimento.

Quel 26 dicembre del 1194 fu un giorno di particolare importanza per la storia italiana: la notizia di quella nascita, lungi dall'essere festeggiata, promosse una accanita campagna antisveva: i lealisti siculi, infatti, fecero dell'erede un oggetto di dileggio ponendo in dubbio anche la sua paternità e veicolando la voce che il bimbo fosse il frutto di una relazione adulterina dell'Imperatrice con un beccaio jesino. Enrico VI, per consolidare il potere della prestigiosa casata, dichiarò solennemente l'ereditarietà della corona ma, al fine di evitare reazioni dei grandi feudatari, si limitò alla sola elezione reale del piccolo.

L'imprevedibile morte, forse esito di un complotto contro la sua sanguinaria tirannide, gettò il regno nello scompiglio più drammatico e Costanza, di fatto assumendosi il solo ruolo di regina reggente, si dette ad amministrare un'isola squassata da lotte fra fazioni normanne e tedesche mentre anche in Germania s'apriva quel pesante scontro di successione risoltosi con un regicidio: l'assassinio del giovane Filippo di Hohenstaufen. Riconosciuta la signoria feudale di Papa Innocenzo II e rinunciando per l'infante ai diritti imperiali, Costanza concluse un concordato con la Chiesa che ridusse i diritti sovrani nella nomina dei vescovi ad un semplice atto di assenso, in aperto contrasto con le prerogative lungamente esercitate dai suoi avi. Nel 1198, la sua debole reggenza cessò: Federico, orfano di entrambi i genitori e posto sotto la tutela pontificia visse tutta l'amarezza consapevole d'una terra ridotta a terreno di aspro scontro fra pretendenti alla successione normanna, Legati papali, Feudatari tedeschi e nobiltà a vario titolo.

Dopo anni di difficili ed aspre vicende, aggravate dalle ambiguità politiche della Curia Romana, la tutela dell'energico Innocenzo si concluse. Era il 1206: lo Staufen, secondo consuetudine considerato maggiorenne, veniva insediato al trono. Pressocché contestualmente ed in danno dei suoi interessi dinastici in Germania, il Papa si era accordato con Ottone di Brunswick fomentando quella rivalità fra guelfi e ghibellini apertasi con una duplice elezione e conclusasi con la tragica morte di Filippo di Svevia. A Spira ed in cambio della legittimazione imperiale, Ottone aveva promesso alla Chiesa le recuperazioni nella Marca di Ancona, parte della Romagna, il Ducato di Spoleto e la Signoria sul Regno di Sicilia. Ma, ad una manciata di giorni dalla sua incoronazione, tradì i patti ed invase la parte continentale del regno meridionale, mirando ad accorpare la Sicilia all'Impero ed a liquidare Federico II, ultimo membro della invisa casata staufica. Il Papa, truffato da un guelfo, impugnò lo strumento della scomunica e, sciolti i sudditi dal vincolo di fedeltà, depose Ottone ricorrendo all'alleanza della Lega Toscana ed alla solidarietà francese.

Il conflitto assunse implicazioni internazionali, ponendosi come regolamento di conti di una annosa vicenda legata al possesso delle Fiandre, fra la Francia di Filippo Augusto, schierata in difesa degli interessi del giovane Staufen, e l'Inghilterra di Giovanni senza Terre, a sostegno delle posizioni del Brunswick. La fazione ghibellina tedesca non perse tempo: offrì la corona di Germania e dell'Impero al giovane Federico II, col paradossale ed ineludibile appoggio della Chiesa costretta a sostenere un membro della odiata casata sveva ma sottesa a parzialmente tamponare il danno, attraverso le nozze del giovane re siciliano con la cattolicissima Costanza d'Aragona. Nel 1214, la imponente e grandiosa battaglia di Bouvines portò la Germania alla auspicata pacificazione: Federico II di Hohenstaufen, figlio della superba regione di Svevia; erede della gloriosa stirpe salica; rappresentante della prestigiosa casata staufica veniva incoronato previo impegno a mai riunire la corona tedesca e quella siciliana; a garantire alla Chiesa la sospensione di ogni abuso contro la libertà elettiva dei vescovi; a rinunciare ai diritti di regalia e di spolia; a riconoscere la forma più ampia di giurisdizione ecclesiale in materia spirituale e, soprattutto, ad assegnare al Papa il possesso dei territori da Radicofani a Ceprano, della Marca di Ancona, del Ducato di Spoleto, dei beni matildini, della contea di Bertinoro, dell'Esarcato di Ravenna, della Pentapoli – Rimini, Pesaro, Fermo, Senigallia ed Urbino- e dell'alta sovranità sulla Corsica e sulla Sardegna. Pressocché ventenne, Federico II era Re di Sicilia, di Germania, dei Romani e candidato all'Impero. Sull'esempio del padre, aveva già assegnato al primogenito Enrico, come concessionario del Papato, tutti i territori del Regno. Tale atto si rivelò foriero di una acuta lungimiranza politica e premessa a quella assolutistica concezione del potere che lo contrappose ai diritti dei feudatari maggiori, vanificando le libertà da costoro conseguite a Legnano ed a Costanza e, ben presto, anche ai privilegi ed all'autorità della Chiesa. A Magonza aveva promesso che avrebbe vestito i panni crociati per liberare la Terra Santa, in esito ai risultati catastrofici in essa conseguiti da Andrea d'Ungheria, Leopoldo d'Austria e Giovanni di Brienne. Ma l'impresa fu a lungo procrastinata ed Onorio III, succeduto ad Innocenzo, si diede ad esercitare forti pressioni perchè l'impegno fosse onorato. In sostanza Federico, chiamato a misurarsi con un ventennio di disordini ed anarchia in Germania quanto in Italia, aveva barattato con l'incoronazione imperiale le aspirazioni papali lungi dal pensare di assecondarle. Ma nel 1225, Onorio lo pose alle strette: dopo averlo indotto a seconde nozze con Isabella Jolanda di Brienne, regina di Gerusalemme, lo minacciò di anatemizzarlo ove non fosse partito crociato entro il termine di due anni.

La morte mandò in fumo i progetti di Onorio, ma l'ascesa di Gregorio IX al soglio pontificio inasprì i rapporti fra Chiesa/Impero: Federico fu costretto a partire da Brindisi, il 18 settembre del 1227 e, benchè un'epidemia sviluppatasi fra le truppe lo costringesse al rientro solo dopo tre giorni di navigazione, il Papa non volle intendere ragioni: la scomunica investì l'Imperatore il 29 settembre. La reazione all'ingiusto provvedimento, contro il quale i Romani insorsero costringendo Gregorio a fuggire da Roma, consistette nella revoca imperiale delle concessioni fatte alla Chiesa, in particolare sugli strategici territori matildini. Indi, indirizzato alle Corti Europee un manifesto in cui evidenziava la animosità strumentale e pretestuosa del Pontefice, nel 1228, con al seguito solo cinquanta galee, Federico partì per l'Oriente, sconfessato dai vertici ecclesiali che inibirono ai cristiani di seguirlo nel viaggio. Sbarcato in Terra Santa e privilegiata la diplomazia rispetto alle armi, malgrado l'accanito ostracismo del Patriarca di Gerusalemme, Federico concluse con Malik-al-Kamil un armistizio di durata decennale, recuperando alla Cristianità la Città Santa, Bethlemme, Nazareth e San Giovanni d'Acri e promettendo di non fornire aiuti ai Principati di Tripoli ed Antiochia ove essi avessero assunto atteggiamenti belligeranti nei confronti del sultano.

Nel duomo gerosolomitano, assistito da Hermann Von Saltza, Gran Maestro dell'Ordine dei Cavalieri Teutonici, lo scomunicato, che aveva guidato con successo la crociata, si incoronò autonomamente con tale atto sottendendo ad una diretta dipendenza da Dio del suo mandato. Al rientro in Italia, lo attendevano grandi eventi richiedenti tutta la sua rigorosa autorevolezza: Gregorio, sparsa la voce che egli era morto ed invaso il Mezzogiorno, se ne era proclamato successore ed aveva promosso anche in Germania dure rivolte dei feudatari. L'ordine fu restaurato in pochi mesi ed il Papa, isolato dal contesto politico internazionale e costretto ad accettare la pace di San Germano, nel 1230, sulla base dello Status Quo Ante, revocò la scomunica ordinando anche all'intero Episcopato orientale di rispettare l'accordo stipulato nel 1229. Finalmente Federico poteva dedicarsi alle faccende interne all'Impero, applicando gestioni politiche differenziate: in Germania, alimentando forti antagonismi, riducendone la pericolosità e rendendoli indipendenti dal potere regio, favorì i grandi Feudatari anche ecclesiastici; in Italia, adottando un regime assolutistico ed anticomunale contro il quale, nel 1229, uscito dalla tutela, il primogenito agitò lo stendardo della rivolta fino a costringere il padre ad un ritorno a marce forzate in Europa. Esautorato, privato delle insegne e condannato al carcere a vita, Enrico si vide sostituito dal novenne fratello Corrado, designato al trono e posto sotto la tutela dell'Arcivescovo di Magonza. Federico aveva nel frattempo intrecciato una potente rete di parentele contro le insurrezioni autonomistiche italiane: in particolare con Ezzelino da Romano, signore della strategica Marca Trevigiana, e, di nuovo vedovo, aveva contratto un terzo matrimonio diplomatico: questa volta la sposa era Isabella d'Inghilterra. Matteo da Parigi racconta che ... nel mese di febbraio del 1235, vennero a Wenstminster due frati dell'Ordine Teutonico con soldati ed altri ambasciatori, mandati dall'Imperatore dei Romani, Federico II al re d'Inghilterra, portando una lettera con l'aureo bollo, nella quale domandava in isposa la sorella di quel monarca, Isabella. Arrivati al cospetto del re, il 23 febbraio, chiesero la risposta alla lettera, affinché potessero prestamente darne notizia all'Imperatore, loro signore. Ma quel monarca volle prima interrogare intorno a ciò i Vescovi e i Grandi del suo regno, i quali, dopo avere accuratamente esaminata la cosa, tutti di unanime accordo dopo il terzo giorno stabilirono che si desse la donzella a Federico. E così il 27 febbraio Enrico III concesse agli ambasciatori di vedere la futura sposa, mandando subito a chiamare Isabella che, con grandissime cure, veniva custodita nella torre di Londra. Prestamente e con grande rispetto fu condotta alla presenza degli ambasciatori e di Enrico III a Westminster la fanciulla, che allora aveva anni ventuno, di grande bellezza e graziosamente vestita degli abiti reali. E quelli poiché ebbero alquanto contemplato il vago volto dell'avvenente giovinetta, che giudicarono degnissima di Federico, confermarono il matrimoni, giurando sull'anima di Federico, a nome del quale offrirono alla fanciulla l'anello nuziale... (Historia Maior Angliae). Ma l'elemento più significativo del suo governo era consistito del riordino dell'intero apparato amministrativo del regno. In questo spirito, a Melfi nel 1231, alla presenza della nobiltà, della borghesia e dell'alto clero, Federico aveva presentato le Constitutiones Regni Siciliae, fondate sul rivoluzionario ed inaudito principio di uguaglianza di tutti avanti alla legge: aure di tempi nuovi e recupero del diritto giustinianeo, per opera di giureconsulti di Bologna e di Parigi e, in particolare, di Taddeo da Sessa e Pier delle Vigne. Il regno veniva, così, incentrandosi sull'elemento burocratico, ai cui vertici spiccavano una Magna Curia o Tribunale Supremo della Giustizia ed una Magna Curia Rationum o Corte dei Conti, il cui controllo era rispettivamente assegnato al Gran Giudice ed ai suoi Giustizieri ed al Gran Camerario ed ai suoi baiuli e funzionari a mansioni miste. Fu in questa fase di centralizzazione anche militare che i saraceni, solitamente turbolenti ma fedeli alla monarchia, furono trasferiti a Lucera ed impegnati nelle più difficili e delicate funzioni di sorveglianza e difesa del regno. Melfi rappresentò la tappa fondamentale della storia del più grande sovrano del Medio Evo, ma anche la più bruciante sconfitta della Chiesa che era stata sottomessa alla giurisdizione del fisco regio ed inibita dall'acquisto di beni, mantenendo la sola titolarità di competenza su faccende religiose. Melfi rappresentò, altresì, il grande crocevia della laicizzazione della cultura italiana col grande impulso assegnato agli studi di medicina a Salerno, di diritto a Napoli e poi di arte, poesia, letteratura, scienze naturali, matematica, astronomia e filosofia. Melfi, infine, segnò il lento ed irreversibile epilogo della destino personale e politico di Federico II che, per aver definitivamente ridimensionato lo strapotere della Chiesa, concorse alla formazione di un granitico fronte di nemici: il Papato, i Feudatari, i Comuni. La straordinaria vittoria conseguita a Cortenuova contro la Lega Lombarda, il 27 novembre del 1237; la seconda scomunica irrogatagli il 30 novembre del 1238; il favorevole risultato dello scontro navale della Meloria; la morte dello spietato e spregiudicato Gregorio, il 22 agosto del 1241; il breve ed insignificante pontificato di Celestino IV; la irriducibilità di Innocenzo IV furono, pur nella alternità delle vicende, il segnale di un doloroso decadimento in direzione della rinuncia: Federico, sconvolto dai tradimenti, dai lutti, dalle congiure si avviò verso la fatale e terza scomunica con la quale, nella seduta ultima del Concilio di Lione, il 17 luglio del 1245, il Papa lo bollò di spergiuro, di eresia e di sacrilegio deponendolo dalla funzione e sciogliendo i sudditi dal vincolo di fedeltà. Le guerre violente fra Cancelleria Papale ed Imperiale; la crociata antifedericiana condotta dai Francescani; la rivolta tedesca capeggiata dal vescovo Sigfrido di Eppenstein; l'incoronazione dell'antiRe Enrico Raspe e poi di Guglielmo d'Olanda; la drammatica disfatta di Vittoria, il 18 febbraio del 1248 ed il presunto cedimento di Pier delle Vigne, non trovarono lenimento: il destino tragico dell'Imperatore che aveva incantato i tempi e che ancora divide il giudizio degli storici, si compiva inesorabilmente attraverso la cattura del prediletto figlio Heinz a Fossalta e la morte di altri due rampolli.

Il 13 dicembre del 1250 Federico II, rientrato nel fertile e sicuro grembo di Puglia, si spense, come le profezie avevano indicato, sub flore, a Castelfiorentino di Lucera, indifferente al dolore del mondo ghibellino europeo e della affranta comunità saracena. Il solare, ardente e passionale protagonista di trentaquattro anni di regno destinati a contrassegnare la grandiosità d'un'epoca, usciva di scena consegnando il Medio Evo ad una fase di rivisitazione delle esaltazioni e delle umiliazioni dei giudizi. Aveva vissuto la sua intera esistenza in piazza, consegnandosi fin dalla nascita alla curiosità, all'interesse, alla ammirazione ed al disprezzo dei suoi contemporanei ma mantenendo inalterata la coscienza del proprio dovere trasformatosi in leggenda. Aveva vissuto un'infanzia di drammatica solitudine, accentuata dai tradimenti del suo collegio di tutela e dalla condizione di sofferenza del suo popolo. Aveva vissuto la limitazione affettiva di tre matrimoni dettati da ragion di Stato, imparando a contare solo sull'amore dei figli, amati struggentemente; degli amici, amati appassionatamente; dei sudditi, amati strenuamente, subendo cocenti delusioni e tradimenti imprevedibili. Aveva anteposto la sete di giustizia a qualsiasi compromesso politico. Aveva proposto una religiosità intelligente, intensa, fiduciosa, profonda e distante dagli stereotipi della religione del potere. Ed in coerenza con i suoi principi, si era dato alla morte con l'abito penitente dei cistercensi.

Anticristo o Messìa?

Mito.

Eretico o cristiano?

Mito.

Stupor Mundi: aveva aperto le porte all'immagine illuminata del Principe Rinascimentale.

La sua possente forza d'urto germanica, segnò l'Europa del XIII secolo ma anche i destini dell'Italia Meridionale dei giorni nostri.